Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Siccità e desertificazione / Siccità e desertificazione in breve / Reti di monitoraggio /

Invasi artificiali

 

Ai sensi del D.Lgs. 152/06, sulla base delle caratteristiche dimensionali, morfometriche e geologiche, sono stati individuati in Emilia-Romagna cinque invasi artificiali quali corpi idrici da monitorare e classificare, in quanto aventi una superficie superiore a 0,5 km2: Molato e Mignano, Suviana e Brasimone, Ridracoli e Brugneto.

Gli invasi rappresentano uno strumento fondamentale per la conservazione e la gestione della risorsa idrica ai fini potabili (Ridracoli, Brugneto), energetici (Suviana e Brasimone) ed irrigui (principale destinazione degli invasi di Molato e Mignano).

 

invasi regionali

 

 Bacino

 Invaso

 Volume max. (Mmc)

 Quota s.l.m. (m)

 Superficie (Kmq)

 Anno costruzione

 1

 Tidone

 Molato

 8,24

 354,4

 0,68

 1928

 2

 Arda

 Mignano

 12,25

 337,8

 0,8

 1934

 3

 Reno

 Suviana

 43,8

 470

 1,59

 1935

 4

 Reno

 Brasimone

 6,28

 845,2

 0,55

 1911

 5

 Bidente

 Ridracoli

 33,1

 557,3

 1,035

 1982

 

Fonti informative:

Registro Italiano delle Dighe

Romagna Acque-Società delle Fonti

Consorzio di Bonifica di Piacenza