Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Strumenti di sostenibilità /

Ristorazione e gestione verde nuovi CAM

Dal 2/08/2020 entreranno in vigore nuove regole per gli appalti verdi - gestione verde pubblico e ristorazione collettiva - approvate con due Dm 10/03/2020

(25/06/20) 

Il primo decreto 10 marzo ha rivisto i criteri ambientali minimi, relativi all´affidamento dei servizi di progettazione, manutenzione e gestione del verde pubblico e la fornitura di prodotti per la cura del verde.

I criteri promuovono il compostaggio, l´impiego di sistemi che garantiscano l´efficienza degli impianti di irrigazione, l´utilizzo di fonti di energia rinnovabile per il riscaldamento delle serre, l´incentivo alla produzione biologica. 

Alle stazioni appaltanti sono imposti strumenti di gestione del verde pubblico quali il censimento del verde (con tempistiche differenziate a seconda delle dimensioni del Comune), il piano del verde, il regolamento del verde pubblico e privato, il bilancio arboreo.

Vengono definite anche specifiche tecniche sulle caratteristiche delle specie vegetali e sono previste pratiche a basso impatto ambientale per la fornitura di prodotti per la cura del verde e per i trattamenti per la cura delle piante (lotta biologica e difesa integrata). 

Tra i criteri premianti quelli relativi all’educazione ambientale per le scuole del territorio, l’impiego, per almeno una percentuale minima stabilita dalla stazione appaltante, di personale dipendente formato e appartenente alle categorie di lavoratori svantaggiati (criterio sociale), l´utilizzo di macchine ed attrezzature a basso impatto ambientale, l´uso esclusivo di metodi fisico-meccanici per la cura delle piante, il miglioramento del censimento, la valorizzazione e la gestione del materiale residuale. Infine viene valorizzato anche l´offerente che abbia implementato un sistema di gestione ambientale, secondo la norma UNI EN ISO 14001, o che sia in possesso della registrazione Emas, in base al regolamento CE 1221/2009.

Il secondo decreto 10 marzo 2020 riguarda Criteri ambientali minimi per il servizio di ristorazione collettiva e fornitura di derrate alimentari e, dal 2 agosto 2020, sostituisce il Dm 25 luglio 2011.

Il servizio di ristorazione è articolato in riferimento a 3 settori: ristorazione scolastica;  ristorazione per gli uffici, le università e le caserme;  ristorazione per le strutture ospedaliere, assistenziali, socio-sanitarie e detentive.

Per ciascun settore vengono individuate clausole contrattuali, specifiche tecniche e criteri premianti differenziati; alcuni fattori comuni sono:

  • sostenere modelli produttivi agricoli e di allevamento migliori sotto il profilo ambientale, come ad esempio quello biologico e da difesa integrata, 

  • privilegiare la scelta di prodotti a km zero o filiera corta (riducendo l’impatto del trasporto merci e di premiando i produttori locali), 

  • salvaguardare la biodiversità delle specie ittiche, 

  • prevenire la produzione dei rifiuti e di altri impatti lungo il ciclo di vita del servizio, attraverso la previsione dell’uso delle stoviglie riutilizzabili e ove possibile, attraverso la riduzione del ricorso a prodotti prelavorati, alle monodosi e ai prodotti con imballaggi non riciclabili;

  • ridurre lo spreco alimentare

  • limitare i consumi energetici e le emissioni di gas climalteranti

Tra le clausole contrattuali (obbligatorie ai sensi dell’art. 34 del DLgs 50/2016 e smi) e nei criteri premianti sono previste varie azioni di comunicazione sulla qualificazione ambientale dei prodotti offerti anche per contribuire ad accrescere la cultura a riguardo.



Versione stampabileVersione stampabile