Temi ambientali
Arpae in regione
Arpa Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Reggio Emilia /

Qualità dell´aria a Reggio Emilia: report mensile di marzo

Il mese di marzo, dal punto di vista meteorologico, è stato caratterizzato da tempo stabile, assenza di pioggia, elevate temperature ed una forte escursione termica.

(07/04/17) 

 

 

L´escursione ha dato luogo a situazioni di inversione termica che hanno causato, soprattutto dal 15 al 23 marzo, un accumulo degli inquinanti. Fatta eccezione per la settimana sopradescritta, complessivamente gli inquinanti sono in calo rispetto ai mesi precedenti.

Il particolato PM10, pur non raggiungendo le concentrazioni massime di gennaio e febbraio, ha registrato diversi superamenti del valore limite giornaliero, soprattutto in città (7-8 superamenti). Le concentrazioni medie mensili si attestano sui 30-33 µg/m3, ad eccezione della stazione da traffico di V.le Timavo dove la media è stata di 41 µg/m3, superiore al valore limite annuale di riferimento. Uniforme in tutte le stazioni provinciali anche il particolato di natura secondaria PM2.5, con medie mensili sui 22-25 µg/m3.

Stessa situazione per il biossido d’azoto: concentrazioni modeste nelle stazioni di fondo urbana e suburbane, comprese tra i 29 µg/m3 della stazione di San Lazzaro ed i 17 µg/m3 di San Rocco, mentre la stazione da traffico ha avuto una concentrazione media molto elevata, di ben 49 µg/m3. Non si sono avuti superamenti del valore limite orario di 200 µg/m3, anche se presso la stazione di V.le Timavo si è avuto un picco di biossido d’azoto pari a 176 µg/m3 e diverse altre giornate con valori superiori a quanto siamo abituati a vedere di solito nel mese di marzo.

L’anticipo della stagione primaverile, con l’aumento repentino delle temperature massime, ha portato con sé un innalzamento della concentrazione dell’ozono che, per il momento, resta entro i limiti di legge, non registrando superamenti del valore obiettivo di 120 µg/m3, espresso come massima delle medie mobili su 8 ore. Unica eccezione per la stazione di Febbio dove, causa l’altitudine ed un maggiore irradiamento solare, si sono avuti i primi 2 superamenti dell’anno.
Giorno critico: 16 marzo.

 

scarica il report di marzo (pdf 1,3 MB)

visualizza e scarica i report precedenti

Che cos´è l´Indice di Qualità dell´Aria



Versione stampabileVersione stampabile