Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Reggio Emilia /

Qualità dell´aria a Reggio Emilia: report mensile di febbraio

Dal punto di vista meteorologico, il mese è stato caratterizzato dalla persistenza dell’alta pressione ad opera dell’anticiclone africano che ha portato alle nostre latitudini temperature elevate: 21 gradi raggiunti e da 3 a 5 gradi superiori alla norma con scarsissime precipitazioni.

(13/03/19) 

 

 

La persistenza dell’alta pressione, praticamente senza soluzione di continuità, ha causato 4 episodi di accumulo di particolato che, pur non raggiungendo concentrazioni elevatissime come gli inverni passati, ha causato un numero ingente di superamenti del valore limite giornaliero di PM10 (50 µg/m3), soprattutto in pianura: 19 superamenti a V.le Timavo, 16 a San Rocco, 12 a San Lazzaro e 7 superamenti a Castellarano. Le concentrazioni medie mensili di PM10 sono state molto elevate in tutte le stazioni in conseguenza di un elevato contributo di particolato di natura secondaria.

Per quanto riguarda gli inquinanti gassosi, i valori registrati sono risultati abbastanza contenuti fatta eccezione per la città, dove invece le concentrazioni di biossido di azoto (NO2) sono risultate essere abbastanza elevate: la concentrazione massima oraria raggiunta è stata di 134 µg/m3 a V.le Timavo.

I giorni più critici per l’inquinamento sono stati il 10 e il 16 febbraio

scarica il report di febbrario (pdf 1,31 MB)

visualizza e scarica i report precedenti

Che cos´è l´Indice di Qualità dell´Aria



Versione stampabileVersione stampabile