Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Energia /

Sistemi bio-edilizi innovativi utili per la rigenerazione urbana

Enea li sta sperimentando nel suo Centro ricerche della Casaccia

(14/05/18) 

Enea sta studiando tetti giardino e pareti vegetali innovativi come cappotti verdi degli edifici. Nel suo centro Ricerche della Casaccia, vicino a Roma, Enea porta avanti un progetto di bioedilizia con impatti positivi anche a scala di città, con risvolti bioclimatici a favore della rigenerazione urbana, cercando di valorizzare le caratteristiche naturali presenti nei vari contesti insediativi (microclima, esposizione solare, ventosità, ecc.).

L´idea di "garden city" venne sviluppata in Inghilterra alla fine del XIX secolo ad indicare vasti quartieri urbani immersi nel verde in risposta al  forte degrado delle città di allora.

I cappotti verdi sperimentati da ENEA sono realizzati su strutture autoportanti poste vicino agli edifici; i ricercatori ora stanno studiato le interazioni tra le strutture verdi e quelle edilizie, i flussi energetici, il microclima, il comfort, ecc. Le tipologie di cappotto verde possono essere estensive o intensive. Ogni specie vegetale ha caratteristiche fogliari con diversa capacità di schermatura e di mitigazione dei picchi di temperatura durante l’estate. Nei mesi caldi un capotto verde può ridurre i consumi di energia per il raffrescamento; anche d’inverno l’effetto la coltre vegetale può ridurre i consumi del riscaldamento. I benefici non si limitano all’edifico in sé, perché i cappotti verdi di molti edifici a scala urbana potrebbero contribuire a ridurre l´isola di calore urbana, fenomeno estivo che determina microclimi più caldi all’interno delle città. La vegetazione consente di ridurre anche le esondazioni determinate dalle ‘bombe d’acqua’, rallentando-assorbendo l’acqua piovana e regolandone il deflusso. Inoltre il verde assorbe polveri e gas, migliorando la qualità dell’aria. 

Sviluppando questi sistemi bioedilizi e bioclimatici si possono aprire nuove opportunità di ripresa per l´edizia in crisi, con interventi che potrebbero contribuire anche all’aumento dei valori immobiliari.



Versione stampabileVersione stampabile