Dati acque superficiali

Arpae, attraverso le sue reti di monitoraggio delle acque superficiali fluviali e lacustri , effettua i campionamenti qualitativi secondo quanto previsto dalla normativa vigente. 
L'Agenzia effettua anche la misure quantitative sui corsi d'acqua attraverso la rete idrometeorologica regionale. 
Arpae utilizza poi specifici indicatori per restituire al cittadino l'informazione ambientale sullo stato delle acque superficiali. L'obiettivo ambientale, per i corpi idrici regionali, è il raggiungimento dello stato “buono” complessivo dello stato chimico e dello stato ecologico.

In Emilia-Romagna sono stati individuati  739 corpi idrici fluviali e 5 corpi idrici lacustri, invasi artificiali, le cui acque servono ad usi plurimi (idropotabili e/o irrigui e/o idroelettrici) che costituiscono il reticolo idrografico regionale.
Le reti di monitoraggio delle acque superficiali comprendono 200 stazioni distribuite sui corsi d’acqua naturali ed artificiali regionali (rete fluviale) e 5 stazioni distribuite una per corpo idrico lacustre (rete lacustre).

ultima modifica 2021-02-16T12:33:01+02:00
Approfondimenti