Temi ambientali
Servizio Sanitario Regionale
Arpae Emilia-Romagna
English version
Ti trovi in : Arpae / Balneazione / Stagione balneare 2020 /

Stagione balneare 2020

Stagione balneare 2020

La Delibera di Giunta Regionale, in attesa di adozione, stabilisce che la stagione balneare, intesa come il periodo in cui le acque marino costiere dell’Emilia-Romagna sono adibite alla balneazione e vengono effettuati i relativi controlli a tutela della salute dei bagnanti, è compresa tra il 13 giugno e il 13 settembre 2020. 

Il D.Lgs.116/2008 (c.1, Allegato IV) prevede che, poco prima dell’inizio del periodo di controllo delle acque di balneazione, venga prelevato in ogni punto di monitoraggio, un campione “aggiuntivo” (definito pre-stagione) per accertare le condizioni igienico-sanitarie delle acque. 

La Regione Emilia-Romagna ha adottato l’Ordinanza balneare straordinaria n.1/2020, approvata con DPG/2020/8885 del 21/05/2020, che integra e sostituisce l’Ordinanza balneare n. 1/2019 solo per quanto diversamente disposto ed è in vigore fino al 31/12/2020. Con tale documento la Regione Emilia-Romagna ha stabilito le modalità di accesso e fruizione delle spiagge e delle acque marino costiere, nel contesto della prevenzione della diffusione del virus Covid-19.

Il monitoraggio delle acque di balneazione è affidato ad Arpae Emilia-Romagna, che effettua:

  • i prelievi dei campioni programmati, eseguiti secondo il calendario stabilito dalla Regione Emilia-Romagna trasmesso al Ministero della Salute prima dell’inizio della stagione balneare;
  • gli eventuali campioni aggiuntivi in caso di non conformità;
  • i campioni straordinari eventualmente richiesti dall´Azienda USL per accertare l´idoneità alla balneazione in caso di situazioni di pericolo per la salute dei bagnanti;
  • le analisi microbiologiche (Escherichia coli ed Enterococchi intestinali), eseguite presso il  Laboratorio della Struttura oceanografica Daphne di Cesenatico;
  • il monitoraggio per verificare l´eventuale insorgenza di alghe tossiche (Ostreopsis ovata) e cianobatteri, secondo quanto stabilito nei rispettivi Rapporti Istisan n. 14/19 e 14/20, presso il Laboratorio della Struttura oceanografica Daphne. 

Per quanto riguarda il parametro microbiologico “Escherichia coli”, per la prima volta quest´anno, verrà implementata una metodica analitica che consente di avere la risposta in 24 ore, anzichè 48.

In caso di non conformità delle analisi (superamento dei limiti previsti dalla normativa vigente), ne viene data tempestiva comunicazione da parte del Laboratorio, sia alle Aziende Usl sia ai Comuni territorialmente competenti, per l´adozione tempestiva degli atti di competenza, incluso il divieto temporaneo di balneazione, fino al primo campionamento aggiuntivo, eseguito nei giorni successivi che abbia dato esito conforme ai limiti di legge.

Le acque marine di balneazione lungo il litorale dell´Emilia-Romagna individuate per la stagione 2020 sono complessivamente 97. Il punto di monitoraggio è fissato all’interno di ciascuna acqua di balneazione dove si prevede il maggior afflusso di bagnanti o il rischio più elevato di inquinamento.

La classificazione, effettuata sulla base delle analisi eseguite nel quadriennio 2016-2019, risulta di qualità “eccellente” per 89 acque di balneazione, "buona" per 5, "sufficiente" per 2 e “scarsa” per 1, secondo quanto contenuto nella DGR 2179 del 22/11/2019 della Regione Emilia-Romagna.  

Per ciascuna acqua sono stati definiti i fattori di pressione indicati nei relativi profili, previsti dalla norma (D.Lgs 116/2008, art.9; DM 30 marzo 2010, all.E) e consultabili su questo sito nella pagina di dettaglio delle singole acque.

Tutte le informazioni relative al monitoraggio regionale delle acque di balneazione sono pubblicate su questo sito web con cui la Regione ottempera all´art. 15 del D.Lgs 116/2008 e i cui contenuti integrano le informazioni che, ai sensi dell´articolo succitato, vengono diffuse dalle Amministrazioni Comunali, alle quali spetta in particolare la gestione della segnaletica da apporre nelle immediate vicinanze di ciascuna acqua di balneazione riguardo a: delimitazione dei tratti non adibiti alla balneazione e quindi permanentemente vietati, delimitazione dei tratti interessati da divieto temporaneo della balneazione, informazione sulle principali caratteristiche di ogni acqua di balneazione.

Oltre ad altre informazioni relative al monitoraggio delle acque di balneazione, il sito web riporta:

  • gli esiti analitici nelle pagine di dettaglio delle singole acque, accessibili cliccando sulla mappa interattiva, per tutto il periodo di monitoraggio;
  • i bollettini stagionali (formato pdf) relativi ad ogni data di campionamento, accessibili nella pagina Bollettini stagionali;
  • le informazioni circa l´idoneità delle acque marino costiere alla balneazione, oltre alle misure di gestione preventive decise dalle Autorità competenti (proposte dal Dipartimento di Sanità Pubblica dell´Ausl ed adottate dal Sindaco), che prevedono, in via cautelativa, il divieto temporaneo tempestivo della balneazione in occasione di eventi piovosi consistenti che coinvolgano acque balneazione interessate da attivazione di scarichi. L´elenco ed il testo di tali ordinanze pre-stagione sarà visualizzabile nel menù "Normativa" sotto la sezione "Argomenti" del presente sito web, non appena disponibili.
  • gli esiti analitici derivanti dai monitoraggi di Ostreopsis ovata e Cianobatteri;
  • il Report “Qualità delle acque di balneazione della Regione Emilia‐Romagna 2019” e quelli delle stagioni precedenti;
  • tutti i dati analitici microbiologici dal 2000 in poi, scaricabili in formato csv nella sezione Archivio dati

Al termine della stagione balneare 2020 verrà pubblicato il Report annuale con tutte le informazioni relative agli esiti dei campionamenti e la classificazione 2017-2020.

Balneazione in acque dolci

In tutto il territorio dell´Emilia-Romagna non risultano acque interne individuate come acque destinate alla balneazione per cui sui fiumi e laghi della regione non viene effettuato il monitoraggio per la tutela della salute dei bagnanti.